Lucertola Ludens
Introduzione
Il Centro
il Giocattolo Museo
Talenti e potenziali
I progetti
Le mostre itineranti
Le iniziative in corso
L'Associazione
Contatti
L'archivio
Le risorse
Costruire giocattoli
Ospiti illustri
si segnala

 

 

 

 

 

Associazione Lucertola logo associazione la lucertola collegamento Ludens

a promozione della cultura ludica partecipata - circolo ARCI

 

Giocare con Bruegel 17 sett 2016

GIOCARE CON BRUEGEL - la festa alla Rocca Brancaleone

17 settembre 2016 - presso la Rocca Brancaleone di Ravenna, in un bel pomeriggio di sole - tra due di pioggia, abbiamo sperimentato con successo un pezzettino del progetto Giocare con Bruegel.il quadro di bruegel il vecchio youg folk at play ingrandimento

In questa circostanza ci si è preoccupati di predisporre un contesto in cui era facile "diverstirsi con poco"- motto a noi caro da sempre - nonchè, avviare una ricerca di "strumenti moltiplicatori di ludicità" (che generosamente invitano i partecipanti a giocare in svariate modalità) utili per accostarci alla storia creativamente, in questo caso (visto in contesto) limitandosi al tema della cultura ludica del passato, che veniva confrontata con la presente (ciò che era noto al gruppo dei partecipanti al gioco) e anche con quella rievocata dagli adulti-genitori che accompagnavano i bambini/e.

Quindi, in un'atmosfera dominata dal semplice intrattenimento e favorendo il protagonismo dei presenti, si è giocato il gioco delle coppie (oramai chiamato da tutti come "Memory"), e mentre si operava questo si esploravano significati da cogliere nel quadro e nei dettagli dello stesso (quelli che riportati sulle tessere del gioco delle coppie), ma soprattutto si tentava di "riattuare tessere del gioco delle coppie ingrandimento creativamente il passato" senza imprigionarlo in un rigido punto di vista storico: i presenti erano invitati ad intuire che cosa succedeva nell'immagine (che gioco era rappresentato), collegando questo con quanto loro conoscevano, con quanto anche gli adulti li presenti ci vedevano (e collegavano con la loro infanzia). Il risultato era quasi sempre un nuovo gioco, che funzionava e che "pescava" dal passato - soprattutto se c'era anche la necessità di un minimo di attrezzatura ludica", cioè oggetti e giocattoli che apparivano nel dettaglio di immagine e che servivano a giocare. Ogni volta il gruppo era tentato a ideare possibili simulazioni e "far finta di", trasponendo e dando nuovo significato agli oggetti a disposizione per tradurli in qualcosa di utile a giocare.

ambientazione ingrandimento
gioco delle coppie ingrandimento
gruppo in gioco ingrandimento
Lo spazio di gioco è stato inizialmente preparato creando una riconoscibile "cornice", con catenelle di triangolini di stoffa, a cui Veronika e Cordelia hanno contribuito a stendere. Poi, dopo una breve presentazione come funziona il gioco delle coppie con le tessere che raffigurano dettagli del grande quadro di Bruegel, si è dato il via al gruppo, che ha scelto chi iniziava e che senso dare all'ordine del giro.
mani sulla testa ingrandimento
ingrandimento tiro ai birilli ingrandimento
mosca cieca ingrandimento
mani sulla testa ingrandimento
tirare dall'alto verso il basso ingrandimento
moscaceca ingrandimento
Alcuni dei giochi rappresentati nel quadro sono stati ri-attuati, ricorrendo all regole date dal gruppo e giocando con gusto, alternando momenti di gioco con le tessere per fare le coppie, disvelando parti del quadro, parlando del gioco raffigurato nelle tessere o giocando lo stesso

Ogni giocata (attuare il gioco delle coppie con 36 tessere) coinvolgeva un gruppo, che era anche e sempre variabile (con continui nuovi ingressi ed uscite di giocatori/giocatrici di vari età) sulla base del rispetto della condizione generale per chi si gioca (la libertà di scelta). trenino ingrandire
Quando una coppia di tessere veniva accoppiata, contemporaneamente si scopriva una porzione di quadro che fino a quel momento era rimasta coperta da ritagli di cartoncino colorato.

In questo modo, senza avere un adulto che insegnava ma che facilitava il confronto con la realtà e gli altri/e, è stato possibile conoscere giochi nuovi, accostarsi ai racconti degli adulti relativi alla loro infanzia e condizione di infanzia, giocare in modi diversi, esercitare immaginazione e reinterpretazione libera da vincoli storici mono-interpretativi, adattamento degli oggetti a disposizione per incorporarli nel gioco, chiaramente esercitare un'opera di socializzazione tra i presenti che non si conoscevano, e divertirsi con poco o niente.

trenino

data ultimo aggiornamento: 20 settembre 2016