Lucertola Ludens
Introduzione
Il Centro
il Giocattolo Museo
Talenti e potenziali
I progetti
Le mostre itineranti
Le iniziative in corso
L'Associazione
Contatti
L'archivio
Le risorse
Costruire giocattoli
Ospiti illustri
si segnala

 

 

 

 

 

Associazione Lucertola logo associazione la lucertola collegamento Ludens

a promozione della cultura ludica partecipata - circolo ARCI

 

bagno Ruvido 2011

Iniziative al Bagno Ruvido: animazioni notturne durante l'estate 2011

laboratorio sotto le tamerici del ruvido ingrandimento
ronzatore giocattolo
colomba maracas
campana battente
Alcuni giocattoli sonori: il Ronzatore, la Colomba maracas e il Battente bottiglia.
teatrino kamishibai ingrandimento
Nella notte, il teatrino Kamishibai di Sara
acrobata di sughero
acrobata di sughero
Costruendo due acrobati del circo delle storie
il burattino di Sabina ingrandimento
Il burattino e la burattinaia Sabina

Durante quest'estate alcuni operatori dell'Associazione in collaborazione con il Team Genialidapiccoli.com hanno realizzato una serie di animazioni gratuite (di tipo narrativo e con l'aggiunta di laboratori di manualità creativa) al Bagno Ruvido allo scopo di raccogliere fondi per finanziare il progetto "Jean-Pierre Rossie a Ravenna".

Nelle giornate del mercoledì 13 luglio, 20 luglio, 27 luglio e 03 agosto Renzo, Sara, Simona, Sabina e Primo si sono alternati per condurre dei laboratori di costruzione del giocattolo che si collegassero con le animazioni narrative serali, coinvolgendo bambini e bambine dai 3 ai 13 anni con i loro genitori.
A queste date si è aggiunto un evento di celebrazione del progetto.

Il progetto ha riscosso notevole consenso tra i partecipanti e sollevato interesse nei vari frequentatori dello stabilimento balneare. Un interesse tale che i gestori del Bagno Ruvido hanno confermato la volontà di ripetere l'esperienza anche l'anno prossimo.

laboratorio manualità creativa ingrandimento laboratorio al Ruvido ingrandimento
Sotto le tamerici si gode la bella ombra, mentre la manualità creativa impazza ricorrendo al filo di ferro, i pennarelli e ai tappi di sughero
acrobata ballerina acrobata ballerina acrobata ballerina
i burattini di Sabina ingrandimento la narrazione di Sabina ingrandimento spettatori al circo di Sabina burattini ingrandimento
E dopo il laboratorio per costruire acrobati da circo,
si è passati al dopocena per il Circo delle storie di Sabina, gustando Le
avventure di Pulcinella, burattino ed equilibrista tra i problemi...

Il programma delle attività si è così sviluppato:
- Ombre Magiche: costruire lanterne e narrare storie del teatrino in valigia
- Strumenti musicali e storie sonore: costruire giocattoli "rumorosi" e partecipare con essi alla narrazione
- Maschere e racconti Rodariani: dal sacchetto di carta e tramite le inspirazioni fornite dalle immagini di creazioni dell'artista S. Steinberg, realizzare delle maschere da usare durante le narrazione di storie di G. Rodari
- Equilibristi al circo delle storie: costruire acrobati e poi portarli al circo dei burattini con Pulcinella che diventa equilibrista tra i problemi.

Da parte nostra confermiamo volentieri l'alto grado di sensibilità verso i bisogni e desideri dell'infanzia (in vacanza e al mare) dimostrato da tutto il Team del Ruvido, che si è sempre prodigato per garantire al meglio la riuscita delle diverse iniziative realizzate.

A fine percorso (nel giorno di Ferragosto) si è anche realizzato un piccolo display di giocattoli costruiti durante i vari laboratori, attraverso delle "installazioni sabbiose e ventose", che si è sviluppato lungo la passerella principale che conduce al mare.

installazione al Ruvido ingrandimento display di giocattoli ingrandimento mostra di giocattoli ingrandimento
Installazioni lungo la passerella del bagno
Giocattoli sonori sul piatto
La bottiglia acchiappa-vento

In questo modo si è voluto mostrare e creare un'occasione per celebrare il progetto, riuscendo a cogliere una volta in più l'attenzione degli adulti verso l'infanzia ed il gioco, nonchè verso il principio inspiratore fatto di un giocare semplice per divertirsi con poco, ricorrendo al riuso creativo di beni altrimenti gettati.

Dai feedback raccolti da alcuni dei genitori presenti durante le attività si è notato come le nostre iniziative sono stati eventi altamente attesi dai partecipanti che, con trepidazione, ci attendevano sul luogo per iniziare ogni volta una nuova avventura con il materiale.
L'uso del giocattolo costruito, il loro passaparola e l'aggregazione attorno al tavolo delle attività ritualmente ubicato sempre nello stesso luogo, hanno garantino la promozione interna del laboratorio (che mostrava momenti di estrema fibrillazione con un forte assembramento di persone, a momenti di relativa calma).

La libera scelta di frequentare è stato il migliore criterio per valutare il successo del progetto, assieme al libero esercizio della volontà di restare per tutto il tempo che i bambini e le bambine desideravano.
Le proposte degli adulti animatori non erano circoscritte al solo programma, ma vi era anche la possibilità di esplorare altro. La scelta dei giocattoli da costruire e l'affidabilità dimostrata degli operatori ha però garantito al gruppo un fiducioso e vivo affidamento alle nostre proposte.
Un plauso a tutti i genitori che hanno dimostrato un alto grado di coinvolgimento personale, collaborando affianco alla propria ed altrui prole, costruendo e giocando, divenendo loro stessi attivitatori del senso di comunità che si andava a costruire anche attorno a questo interesse.

Si rimanda il lettore a nuova pagina per leggere l'evoluzione del progetto:
- la seconda fase: le iniziative di settembre 2011
- la terza fase: gli interventi nella scuola da marzo 2012

Altri giocattoli da costruire e con cui giocare: la trottola del Marocco - la Colomba Rampichina - le Maschere Saul - la Spiralina - il Fuciletto ad elastico - la Cometa - i Pupazzi di neve - il Ronzatore - il razzo bottiglia - la Medusa volante - gli Animaletti castagna - i Ragni e Pipistrelli equilibristi - gli Animaletti Turacciolo - e molte altre proposte al sito www.genialidapiccoli.com

E poi "divertirsi con poco" riscoprendo il diritto all'uso delle mani nell'ambiente naturale: e giocando dopo la pioggia - giocare con la cometa - giocare con la spiralina- giocare con la trattola marocchina - giocare a costruire i pupazzi di neve - il pop up play usando scatoloni e lunghe calze di cotone elasticizzato ...

data ultimo aggiornamento: 24 agosto 2015