Associazione Lucertola logo associazione la lucertola collegamento Ludens

a promozione della cultura ludica partecipata - circolo ARCI

Index - Introduzione - il Centro - Giocattolo Museo - l'Associazione - Risorse - Archivio - Contatti - Progetti Mostre itineranti - Talenti/potenziali - Costruire giocattoli - Iniziative in corso - Ospiti illustri - Segnalazioni -

2 morelli 2012

Laboratorio alla scuola Morelli: secondo incontro - la bambola

cartina modello peter a mosaico ingrandimento
La bellissima cartina modello Peter realizzata a mosaico, incollando una miriade di pezzettini di carte colorate

Il secondo incontro vede la classe applicare conoscenze e competenze apprese nel primo incontro: cucire ed annodare per realizzare la bambola, anche secondo le modalità della cultura ludica tradizionale del Marocco (cioè una struttura fatta a croce con due bacchetti, e l'aggiunta del vestito di stoffe avvolte alla struttura); poi vengono aggiunte le personalizzazioni, gli abbellimenti, le decorazioni...

L'APPROCCIO Nella stanzina ci si è salutati e riconosciuti per nome, facendo breve memoria dell'incontro precedente. Parlando, è emerso che la maggior parte dei partecipanti ha provato a cucire e fare il nodo con le striscioline anche a casa, con buoni risultati e gradimento dei genitori. Ma alcuni hanno trovato ostacoli da parte dei genitori: qualche mamma non si è fidata del bambino distratto, che potrebbe lasciare in giro per casa l'ago; una mamma ha impedito il cucire perchè aveva paura che la figlia si punga.
Poi si è introdotto il nuovo tema: la bambola marocchina, facendo circolare tra i presenti gli esempi di bambole in valigia ed anche ulteriori esempi di bambole fatte a mano di altre culture ludiche.
Infine si è chiesto al gruppo di esprimere idee al problema specifico: che cos'è che rende ricca una bambola? oltre alla struttura centrale e al vestito che cosa rende una bambola particolare? la collana, la cintura, i tratti del viso, l'acconciatura dei capelli... CLICCA SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRE

alzare la mano ingrandimento manipolare modello bambola ingrandimento visione del modello di bambola ingrandimento bambino guarda bambola ingrandimento ingrandimento
Nello stanzino c'è l'atmosfera e l'ambiente giusti per ascoltarsi, domandare, rispondere, discutere.
Al gruppo sono state distribuite modelli di bambole cosruiti a mano ed appartenenti ad altre culture ludiche
La visione di altri modeli di bambole permette di prendere coscienza della ricchezza di dettagli
La creatività dei singoli si nutre di immaginazione ma anche di esperienze concrete

Nella stanza delle attività manuali è stato predisposto un tavolo con una grande varietà di materiali in visione e a disposizione dei partecipanti. La creatività dei singoli, da lì a breve, è fiorita attraverso le esperienze di contatto con bambole di altre culture ludiche, con i materiali a disposizione, attraverso la confidenza assimilata nel saper fare a cucire e annodare, nello stare attorno allo stesso tavolo scambiando idee con i compagni/e, nella libertà di esplorare e sperimentare e fare errori senza il limite imposto dal giudizio, nell'accesso al supporto e consiglio dell'adulto - se richiesto.

I materiali a disposizione (varietà di tappi plastica, metallo, sughero; fili di lana e cotone; bottoni; stoffe in scampoli, stoffe in strisce o rettangoli) sono stati raccolti in abbondanza ed in parte dalle classi ed in parte dagli operatori.
La nostra scelta di tecniche, strumenti e materiali a disposizione è stata accurata, e fatta considerando anche quanto è a disposizione dei bambini e bambine del Marocco: sia per non generare uno scarto di valore (quando vi sarà il confronto tra le classi); e sia per non compromettere quanto è sempre accessibile anche ai bambini di qua - cioè per non condizionare negativamente la loro possibilità a realizzare autonomamente, una volta che sono a casa.

scegliere le stoffe ingrandimento scegliere le toffe che piacciono ingrandimento selezionare i bottoni ingrandimento scegliere i bottoni da combinare ingrandimento
Sul pavimento sono state disposte le stoffe a disposizione di tutti e tutte
Ognuno aveva il tempo di considerare ciò che cercava
La selezione dei bottoni richiede tempo, soprattutto se ne cerchi due uguali in mezzo a tanti
Avere chiaro che cosa si cerca, permette di raccogliere il materiale più speditamente
cucire un bottone ingrandimento cucire un bottone ingrandimento collaborare ingrandimento ingrandimento perla ingrandimento
Cucire un bottone sulla stoffa ora diventa più semplice, visto che lo si è sperimentato prima
I bottoni vengono scelti in accordo alla stoffa, e restano bottoni, e possono assumere un altro significato
La vestizione della bambola crea la bambola, e potrebbe necessitare la collaborazione
Sulla stoffa sono poi aggiunti dettagli per impreziosire, e caratterizzare
diamantini ingrandimento fare i capelli alla bambola ingrandimento aggiungre un nastrino ingrandimento vestire la bambola ingrandimento
Bottoni con diamantini sono i primi ad essere stati scelti dalle bambine
Fare i capelli alla bambola è stata la sfida più impegnativa
L'aggiunta di un nastrino alla cintura della bambola crea la personalizzazione
Combinare stoffe di diverso colore e fattura, accordando i colori
bambola nero oro ingrandimento tuareg bambola ingrandimento bambola modello marocco ingrandimento  

Realizzare la bambola è stata una soddisfazione tanto per i maschi che per le femmine. Al di là dei possibili stereotipi culturali sui ruoli e le scelte di genere dei giocattoli, quando si mettono i bambini e le bambine "in situazione del fare", ad usare le mani per trasformare, usare strumenti e materiali, tutti e tutte sono così coinvolti nell'esperienza che è l'esperienza stessa che guida e da piacere realizzarla. Arrivare autonomamente al prodotto finale genera sicurezza di se e grande soddisfazione personale. Queste sono alcune delle opinioni espresse alla fine dal gruppo.
Da loro, immancabile, la richiesta di poter partare a casa l'oggetto creato per mostrarlo ai genitori, o per avere più tempo per completare il giocattolo.
Quale sarà la reazione ed il coinvolgimento della famiglia? clicca per conoscere il seguito...

ravenna Sidi Ifni ingrandimento mosaics peter map
Lista dei link utili alle altre pagine del sito che raccontano della complessità del progettto "Jean-Pierre Rossie a Ravenna": a scuola - primo incontro- secondo incontro - le bambole - terzo incontro - le automobiline- quarto incontro - le figurine di argilla - il progetto - settembre 2011 - i giocattoli in valigia - valutazione - Festival delle culture -

Per le foto si ringrazia Laura, ottima fotografa oltrechè assistente volontaria alle attività

data ultimo aggiornamento: 03 maggio 2018
Associazione Lucertola Ludens -
APS iscritta al Registro Regionale di Bologna dal 21 luglio 2017, numero 12079
Con sede legale in Via Corezolo 49
48121 Ravenna
Codice Fiscale 92081470392